Enzo Taranto e Lifebility Award, XII edizione

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Enzo Taranto e Lifebility Award, XII edizione

Single image

1. Enzo Taranto anima del premio Lifebility Award. Raccontaci la storia e la mission di questo premio.

La missione di questo progetto è seminare etica nelle menti dei giovani e raccogliere progetti aiutando i giovani stessi ad entrare nel mondo del lavoro. Abbiamo iniziato questo progetto dodici anni fa cercando un metodo che potesse sollecitare le nuove generazioni a pensare al sociale e in maniera etica. Da questa idea iniziale è nato il concorso. Sfidiamo i giovani a tirare fuori idee socialmente utili che tengano conto dell’innovazione tecnologica, dell’epoca storica in cui viviamo e dell’ambiente e, partendo da queste idee, possano valorizzarle tanto da farle diventare una startup o far maturare dei concetti di tipo aziendale. Raccogliamo questi embrioni di idee e prendiamo per mano i ragazzi per aiutarli a sviluppare un business plan.

2. Qual è il tema del concorso della XII edizione?

Siamo in un’era pandemica. L’anno scorso ci siamo concentrati su aspetti di salute ed economia. Quest’anno il tema è il PNRR, e allineandoci a questo piano dal quale si andranno a finire la maggior parte degli investimenti, abbiamo deciso di chiedere ai nostri concorrenti di sviluppare progetti che siano allineati a queste tematiche per iniziare ad inserirsi nel mondo del lavoro. Ci siamo concentrati in particolare su 3 delle 6 mission indicate nel PNRR:

  1. Salute
  2. Transizione ecologica
  3. Digitalizzazione

Obiettivo di quest’anno trovare progetti che percorrano questi tre asset: progetti fortemente digitalizzati nell’ambito della transizione ecologica e nell’area della salute che siano o idee embrionali o advanced vicine alla commercializzazione.

3. Quali sono le tempistiche di partecipazione?

Il concorso è aperto. Andando sul sito si può vedere tutto quello che occorre nella sezione “partecipa al concorso”. La data limite per la consegna dei progetti è il 4 aprile 2022. Raccolti i progetti, una commissione effettuerà un lavoro di screening per valutare i 24 finalisti. Questi verranno selezionati e affiancati ad un tutor che in data 17 aprile, lavoreranno sulla revisione dell’idea per trasformarla in un business plan da presentare prima in commissione che valuterà i vincitori, poi ai potenziali investitori del mercato.

4. I premi in cosa consistono?

Il premio più importante innanzitutto è diventare finalisti.

I finalisti saranno affiancati da un tutor e che li formerà per la stesura di un business plan. Gli studi tradizionali, si sa, sono monotematici e mai interdisciplinari. Dopo il lavoro di tutoring, i finalisti saranno portati a Bruxelles: le grandi decisioni strategiche sono fatte tutte al centro d’Europa e Bruxelles mette a disposizione dei giovani europei dei percorsi che li aiutano a livello nazionale e internazionale.

Un secondo livello di premi, consiste in una vincita economica:

  1. Ai due progetti advanced sarà destinato un premio di 15.000€
  2. Ai due progetti innovativi un premio di 5.000€

Oltre a questi ci sono aziende partner che possono prendere sotto la propria ala i finalisti che meritano al di là del fatto che il progetto sia uno dei vincitori.

5. Quando sarà la proclamazione dei vincitori?

La proclamazione avverrà il 22 maggio 2022 al congresso nazionale dei Lions a Ferrara. Tutti i Lions italiani collaborano a questo progetto e vanno nelle università a stimolare la partecipazione degli studenti. Il 15 giugno 2022 ci sarà inoltre un evento in cui si dà spazio ai vincitori per presentare meglio il loro progetto in una platea non solo di Lions ma anche di investitori, aziende, incubatori che possono essere interessati.

Autore: Marina Verderajme

Marina Verderajme
Presidente di Job Farm e Direttrice di Job Farm News, si occupa da oltre 15 anni di formazione, lavoro, risorse umane e innovazione. Dirige SportelloStage partner di Recruit srl, agenzia di intermediazione, e Ems società di consulenza HR.

Articoli collegati

Intervista a Maddalena Porta Founder e AD di LYVE SRL
Giovani, lavoro e sostenibilità: quali sono le prospettive future?
Lavorare nell’ospitalità di lusso per rendere felici se stessi e gli altri
La ricerca del lavoro attraverso la passione: Gilberto Mora Presidente Nazionale  della Compagnia del Cioccolato
Camillo De Milato: Un comandante per il bene comune
Massimo Folador: Sostenibilità e Impresa a partire dal Bene Comune
Il Museo Bagatti Valsecchi e Fedora 3.0, una collaborazione di successo
Intervista a Giancarlo Restivo, presidente di Nuova Organizzazione d’Imprese e segretario generale della Nazionale Italiana Sicurezza sul Lavoro
Fedora 3.0, inizio del corso in “Art & Digital Strategist”
Apertura corso “Empowerment e Proattività e Comunicazione Efficace” del progetto Back to Work
X