4 tool per la tua content strategy su WeChat

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

4 tool per la tua content strategy su WeChat

Single image

Come sappiamo in Cina il mondo digitale è completamente diverso dal nostro, infatti i social media, piattaforme e tool che siamo soliti usare per le nostre strategie marketing digitali in Europa non esistono. Questo per la presenza del Great Fire Wall che filtra e controlla tutto ciò che cerca di entrare nell’ecosistema online cinese. Quindi, per vendere in Cina, bisogna dimenticarsi di utilizzare Facebook, Instagram e tutti i social media e tool che siamo soliti usare per facilitare le nostre attività, posizionamento e contenuti.

Perché parliamo proprio di WeChat?
WeChat è una super App che unisce in un’unica piattaforma: il riconoscimento d’identità digitale, WhatsApp, Facebook, Newsletter, Amazon e molto altro. Proprio per questa sua caratteristica è la piattaforma e social media più diffuso in Cina, praticamente ogni persona che vive in Cina ha un profilo WeChat. Oltre ad essere un canale particolarmente importante è anche molto difficile da usare e comprendere da parte delle aziende che vogliono aprirsi al mercato cinese. Anche in Cina per raggiungere il successo digitale ci si appoggia a tool e supporti specifici per essere più efficaci e ottimizzare le proprie risorse. Qui di seguito ne vediamo 5 che possono essere utili ed importanti per la tua strategia su WeChat.

Ottimizzazione dei tuoi WeChat Mini Program con aldz.com

I Mini Program sono delle applicazioni che possono essere di gioco, di e-commerce, descrittivi e più o meno interattivi, proprio come un’App. La differenza però è che queste non vengono scaricate sul telefono ma rimangono all’interno dell’ecosistema di WeChat.
Questo tool non è altro che una piattaforma e di una mini app di WeChat che ti permette di vedere la classifica dei Mini Program più usati nelle ultime 24h, ultima settimana ed ultimo mese. Si possono vedere le varie categorie (shopping, food delivery, game, bike sharing, viaggio, ecc.) o la classifica generale. La cosa più interessante è che ti mostra se quel Mini Program è in ascesa o discesa nel suo utilizzo.

Perché consiglio questo tool?

Con l’apertura di una propria area riservata è possibile poter monitorare le statistiche del proprio Mini Program di WeChat.
Questo è molto importante perché spesso non è semplice interpretare i dati, i movimenti degli utenti, la loro fedeltà e le loro preferenze all’interno del nostro Mini Program. Con questo sistema invece è possibile avere un quadro completo e preciso. Quindi ci permette di ottimizzare e creare un sistema il più adatto possibile per gli utenti e sulla vendita. Come ogni cosa ha delle criticità ed in questo caso questo tool è interamente in lingua cinese inoltre per poter monitorare i dati del tuo Mini Program devi accedere alle funzionalità a pagamento.

Per scaricarlo lo trovi a questo link https://www.aldzs.com/

微信指数 WeChat Index per la tua content strategy

WeChat è talmente importante che le persone lo utilizzano come motore di ricerca quando voglio ottenere informazioni, quindi avere un adeguato posizionamento SEO e per parole chiave o Hashtag in modo da poter essere trovati. Per ottenere questo risultato la cosa importante è conoscere i trend più cercati utilizzando tool come WeChat Index.

Si tratta, quindi, di un’applicazione simile a Google Trends che perette di trovare le key words o parole più cercate in quel momento. La cosa più bella è che è disponibile per mobile, sia scaricando la sua App apposita che facendo ricerca direttamente dalla funzione cerca della normale App WeChat. https://kf.qq.com/touch/wxappfaq/170418jamiYn170418NzEVFJ.html?platform=15

Grazie al suo utilizzo è possibile capire quali siano le opinioni del popolo cinese, gli argomenti e tematiche che ricercano maggiormente. Questo non vale solo per WeChat ma di tutte le tematiche legate ed “amiche” di questa piattaforma, ossia che appartengono allo stesso ecosistema digitale.

A chi lo consiglio?

A tutte le #PMI che voglio iniziare la loro strategia social in #Cina con contenuti che attirano il pubblico. Vista la sua facilità di utilizzo anche a tutti gli studenti che voglio fare ricerca per la loro tesi di laurea su un fenomeno particolare legato alla società, cultura e web cinese. Le sue criticità più evidenti che emergono sono che: non sempre da risultati pienamente attendibili. Infatti cercando la stessa key word su Baidu i risultati sono completamente differenti; ed allo stesso tempo, a volte insight più piccoli o con un volume di ricerca inferiore sono difficili da indentificare.

Chat Compose per supportare la tua customer care

WeChat è un social media che permette di chattare in maniera diretta e personale con gli utenti iscritti al tuo profilo ufficiale se questi ti contattano. Purtroppo non si può essere sempre pronti a rispondere quindi diventa importante avere a disposizione un supporto che ti permette di gestire immediatamente almeno le richieste più frequenti. Infatti Chat Compose offre un servizio di personalizzazione di chatbot, di risposta automatica, per i profili WeChat. Il sistema si basa sull’intelligenza artificiale che risponde in modo umanizzato ed in lingua cinese.

Questo tool è molto importante per soddisfare la richiesta di rapidità e prontezza del pubblico e mercato cinese. Allo stesso tempo ti permette di raccogliere maggiori informazioni e definire il pubblico impostando anche questionari di ben venuto in modo da poter targettizzare al massimo i contenuti, ottimizzando così la fidelizzazione.

A differenza dei tool precedenti questo è interamente in lingua inglese e può essere visionato a questo link https://www.chatcompose.com/

Arctime, uno strumento per sottotitolare i video

I contenuti video e video brevi sono sempre più importanti e di impatto anche nel mondo digital cinese, perché questo è estremamente importante inserirli nella propria content strategy. Questo tool diventa importante quando si cerca di raggiungere il giusto equilibrio fra globalizzazione e localizzazione della strategia marketing, infatti quando non si hanno le capacità o possibilità di creare video appositi per il mercato cinese poter aggiungere dei sottotitoli a video già usati dal brand potrebbe essere una buona soluzione.

Come per molti strumenti altri strumenti anche questo è in lingua cinese, ma essendo completamente gratuito ha una community molto attiva che offre sempre nuovi tutorial e spiegazioni sul suo funzionamento in lingua inglese e per tutti i dispositivi che usano Mac, Windows e Linux.

Per chi volesse scaricarlo può andare a questo link https://arctime.org/download.html

AsiaKOL: la piattaforma per trovare i tuoi influencer cinesi

In Cina una delle strategie più efficaci per ampliare il proprio pubblico, migliorare la propria immagine o fare vendite in limited edition, gli influencer sono la strategia migliore. Però, spesso, purtroppo è difficile individuarli ed entrare in contatto con loro, questo perché il mondo degli influencer cinesi è regolamentato e gestito da delle agenzie.

Oltre ad essere un’importante raccolta di profili di influencer, questo tool offre anche altri vantaggi: è fra le poche piattaforme in lingua cinese, offre anche altri servizi e soprattutto alla fine di ogni collaborazione con un’influencer fornisce un report con le statistiche della campagna.

Come funziona?

Si può dire che è molto simile ad una piattaforma di e-commerce, come Amazon, solo che invece di proporre rossetti, abiti, computer è specializzate in influencer.

Come per ogni altra piattaforma e-commerce dovrai aprire il tuo profilo personale, dopo di che potrai selezionare gli influencer per tipo di settore (bellezza, fashion, turismo), per regione geografica e per altri filtri come il grado di esperienza, se sono in voga in quel periodo ecc. Entrando in ogni profilo di influencer è possibile visionare una ricca descrizione, il tipo di social utilizzati e il tipo di interazioni che mediamente svolge ed alcuni esempi di post prodotti.

Come per ogni altra piattaforma e-commerce dovrai aprire il tuo profilo personale, dopo di che potrai selezionare gli influencer per tipo di settore (bellezza, fashion, turismo), per regione geografica e per altri filtri come il grado di esperienza, se sono in voga in quel periodo ecc. Entrando in ogni profilo di influencer è possibile visionare una ricca descrizione, il tipo di social utilizzati e il tipo di interazioni che mediamente svolge ed alcuni esempi di post prodotti.

Fra i servizi offerti quello che trovo più carino è AKBOX.

Questo servizio consiste nello spedire a 30 micro-influencer una mistery box contenente dei prodotti con i quali lui poi svolgerà un UnBoxing. L’obiettivo finale è quello di collaborare fra KOL, Agenzia e Brand per ottenere delle “Group Buying Activites” (iniziative di acquisti di gruppo).

Single image

Esperta di Marketing e Comunicazione per la Cina, founder di China Communication e della China Communication Academy, con la quale si occupa di consulenze per il digital e l’export in Cina. Attualmente Export China Marketer per Nozitoh Hub. Ha seguito studi in lingue orientali, specializzazione in Scienze della Comunicazione, accompagnata da un esperienza in Cina. Segue ed affianca aziende, start up e PMI che vogliano seguire un percorso di growth hacking per la Cina.

Articoli collegati

Intervista a Maddalena Porta Founder e AD di LYVE SRL
Giovani, lavoro e sostenibilità: quali sono le prospettive future?
Lavorare nell’ospitalità di lusso per rendere felici se stessi e gli altri
La ricerca del lavoro attraverso la passione: Gilberto Mora Presidente Nazionale  della Compagnia del Cioccolato
Camillo De Milato: Un comandante per il bene comune
Massimo Folador: Sostenibilità e Impresa a partire dal Bene Comune
Il Museo Bagatti Valsecchi e Fedora 3.0, una collaborazione di successo
Intervista a Giancarlo Restivo, presidente di Nuova Organizzazione d’Imprese e segretario generale della Nazionale Italiana Sicurezza sul Lavoro
Fedora 3.0, inizio del corso in “Art & Digital Strategist”
Apertura corso “Empowerment e Proattività e Comunicazione Efficace” del progetto Back to Work
X