JOB IN JAMbellino: intervista a Daniela Macchi, consulente per l’orientamento nel mondo del lavoro

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

JOB IN JAMbellino: intervista a Daniela Macchi, consulente per l’orientamento nel mondo del lavoro

Riteniamo che sapersi orientare nel mondo del lavoro sia un passo fondamentale per chi ha la necessità, o il desiderio, di intraprendere un percorso professionale. Attraverso le numerose adesioni ricevute per usufruire del servizio di orientamento erogato all’interno del progetto Job in JAMbellino, abbiamo riscontrato la stessa consapevolezza anche da parte dei candidati. Oggi dunque insieme a Daniela Macchi, consulente per l’orientamento in Job Farm, vogliamo farvi conoscere più da vicino questo servizio in termini di obiettivi che si intende raggiungere e criticità che emergono con maggior frequenza.

Daniela, in cosa consiste la consulenza sull’orientamento e quali sono gli obiettivi che vuoi raggiungere?

La consulenza di orientamento prevista nell’ambito del progetto Job in JAMbellino si propone di fornire informazioni e consigli volti a migliorare la spendibilità dei partecipanti nel mercato del lavoro attuale. Attraverso un colloquio personalizzato della durata di due ore e mezza, mi prefiggo l’obiettivo primario di interpretare attitudini, abilità e di aiutare i candidati a identificare i punti di forza e sviluppare la consapevolezza di sé.

Quali argomenti affronti nei tuoi incontri per raggiungere questi obiettivi?
Durante gli incontri vengono affrontate diverse tematiche relative a:

  • Counseling orientativo sulla ricerca del lavoro: identificazione del percorso formativo e professionale dell’utente, individuazione di valori e bisogni professionali e definizione di obiettivi a breve, medio e lungo termine.
  • Personal branding: individuazione di strategie volte a consolidare la propria posizione sul mercato del lavoro e sui social, analisi di strumenti e canali per potenziare la propria efficacia nella ricerca del lavoro
  • Check CV e bilancio competenze: analisi e correzione del CV, della lettera di presentazione/motivazione e del profilo LinkedIn, definizione di punti di forza e aree di miglioramento e simulazione colloquio

Quali sono i dubbi e le difficoltà che i ragazzi condividono con te durante il colloquio di orientamento con maggiore frequenza?

Spesso i candidati hanno in mente l’obiettivo che intendono raggiungere, ma non sanno come farlo. Non hanno una strategia definita e non conoscono strumenti e canali utili per orientarsi nel mondo del lavoro. Emergono difficoltà nella costruzione di un CV efficace e nella simulazione del colloquio di selezione.

Quali sono gli strumenti e le strategie di ricerca attiva del lavoro che condividi con i ragazzi con maggiore frequenza?

Attraverso la condivisione dello schermo, vengono mostrate ai ragazzi le piattaforme da utilizzare per la ricerca attiva del lavoro e si lavora insieme all’ottimizzazione del CV e del profilo LinkedIn. Vengono inoltre forniti consigli su come gestire la brand reputation e su come presentarsi e rispondere alle domande in fase di colloquio.

Articolo di Martina De Simone

Articoli collegati

Intervista a Maddalena Porta Founder e AD di LYVE SRL
Giovani, lavoro e sostenibilità: quali sono le prospettive future?
Lavorare nell’ospitalità di lusso per rendere felici se stessi e gli altri
La ricerca del lavoro attraverso la passione: Gilberto Mora Presidente Nazionale  della Compagnia del Cioccolato
Camillo De Milato: Un comandante per il bene comune
Massimo Folador: Sostenibilità e Impresa a partire dal Bene Comune
Il Museo Bagatti Valsecchi e Fedora 3.0, una collaborazione di successo
Intervista a Giancarlo Restivo, presidente di Nuova Organizzazione d’Imprese e segretario generale della Nazionale Italiana Sicurezza sul Lavoro
Fedora 3.0, inizio del corso in “Art & Digital Strategist”
Apertura corso “Empowerment e Proattività e Comunicazione Efficace” del progetto Back to Work
X