Blind Recruitment: come funziona l’assunzione ad occhi chiusi?

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Blind Recruitment: come funziona l’assunzione ad occhi chiusi?

Con in termine “Blind Recruiting” o “Reclutamento bendato” si definisce una tecnica di selezione nella quale il recruiter cancella dai curricula alcune informazioni dei candidati come (nome, genere, età, razza ecc…) allo scopo di eliminare ogni tipo di pregiudizio che può influenzare la sua scelta. 

Purtroppo questi dati hanno una grande peso nel processo di selezione come testimonia un recente studio di audit del curriculum. Uno dei primi esperimenti di questa pratica è avvenuto a Toronto circa 30 anni fa nella ” Toronto Symphony Orchestra”, complesso composto prevalentemente da uomini. Per la scelta di un nuovo componente, è stato chiesto ai selezionatori di porre una benda sugli occhi in modo da non guardare il candidato e giudicarlo esclusivamente dalla qualità della sua musica.

Il risultato? Dopo le selezioni “a occhi chiusi”, la composizione dell’orchestra cambia radicalmente con le donne che occupano il 50% dei posti.

 

Ma come mai c’è bisogno di parlare di Blind Recruitment? 

Il Blind recruiting è ormai diventato uno strumento utile per aumentare il benessere aziendale e il fatturato. Un recente rapporto di McKinsey Company ha rilevato che il genere e la diversità etnica sul posto di lavoro sono positivamente correlati al profitto. Il più grande ostacolo alla creazione di una forza lavoro diversificata consiste proprio nell’identificare il proprio pregiudizio, riconoscerlo e adottare le misure appropriate per ridurlo o, meglio ancora, rimuoverlo dal processo di assunzione. Il rischio è infatti quello di assumere personale meno preparato perché guidati da parametri di selezione non solo discriminatori ma effettivamente dannosi per l’organizzazione. L’attenzione rivolta all’aumento della diversità per migliorare le prestazioni a livello aziendale e la cultura del posto di lavoro è fortunatamente già in aumento. Un sondaggio sulle risorse umane condotto da Harvey Nash ha rilevato che le organizzazioni stanno effettivamente incrementando sempre di più gli obiettivi di assunzione della diversità. Alcune gradi multinazionali come Deloitte, HSBC e BBC già lo stanno facendo da tempo.

Tornando quindi alla nostra domanda iniziale: Blind Recruitement significa assumere a occhi chiusi?
La risposta è: NO! Assolutamente il contrario.

 

Chiediamoci quanto più cieco e inconsapevole può essere un processo di selezione dove lo sguardo volge su indizi sbagliati e fuorvianti!
E se dunque è vero che l’essenziale e invisibile agli occhi… beh, allora bendiamoci!

Articoli collegati

JOB IN JAMbellino: intervista a Daniela Macchi, consulente per l’orientamento nel mondo del lavoro
BACK TO WORK – Formazione e consulenza per il supporto dei pazienti di oncologia
Il 2021 e la Digital Transformation
Rilanciare il Paese grazie a rinnovabili e sostenibilità: intervista ad Enrico Falk
“JOB IN JAMbellino”: continuano le attività per supportare i giovani di Milano
Cos’è il podcast e perché è considerato il “canale del futuro”?
BACK TO WORK: un progetto di empowerment al femminile per supportare il rientro al lavoro di pazienti oncologiche
Job Farm incontra Boniviri: oltre la brand identity
Quali skills deve avere un Project Manager?
Parte il progetto “JOB IN JAMbellino”, per supportare i giovani dei quartieri Giambellino- Lorenteggio nella ricerca di occupazione
X