I vantaggi della didattica a distanza

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

I vantaggi della didattica a distanza

Formazione a distanza o in presenza?

Il prolungarsi del lockdown da Covid-19 ha spinto all’utilizzo di strumenti tecnologici dedicati alla formazione online, meglio nota come FAD — acronimo di formazione a distanza. Sono indubbi i vantaggi di svolgere lezioni e corsi online, soprattutto in questo periodo in cui è obbligatorio mantenere il distanziamento sociale, ma siamo sicuri della sua efficacia?

Nell’ultimo sondaggio che abbiamo proposto sul nostro canale LinkedIn  , è emerso che, su 191 voti, il 53% preferisce la formazione a distanza sincrona, il 27% la formazione in aula e solo 20% preferisce lezioni a distanza asincrona. La maggioranza è netta e i motivi che hanno portato a questo risultato sono molteplici. Formarsi attraverso le nuove tecnologie offre una serie di vantaggi non trascurabili e che con il tempo diventeranno sempre più evidenti. Analizziamone alcuni:

 

  1. Superamento dei limiti dettati dalla presenza:
    La FAD consente di superare i limiti posti dall’assenza di un luogo fisico. Formarsi attraverso le nuove tecnologie consente la fruibilità delle lezioni da qualunque luogo, purché sussistano i mezzi per una connessione efficace.
  2. Riduzione dei costi per il corsista e l’ente erogatore del corso:
    Una riduzione dei costi complessivi del percorso formativo prescelto dovuti dall’azzeramento degli spostamenti per raggiungere le sedi in cui vengono erogati i corsi e il superamento della necessità di predisporre delle strutture fisiche idonee.
  3. Personalizzazione del percorso:
    Grazie all’utilizzo di nuovi strumenti tecnologici, la didattica a distanza sta diventando sempre più efficace e personalizzabile e non rappresenta necessariamente un limite all’apprendimento. In passato le modalità di formazione online potevano risultare complesse e meno interattive, ma l’utilizzo di piattaforme idonee ha consentito il superamento di questo limite, rendendo le lezioni online sempre più simili a quelle in presenza grazie all’utilizzo di live chat, wall e lavagne, polls e materiale didattico sempre consultabile su piattaforme online.
  4. Semplificazione dell’organizzazione didattica:
    Lo svolgimento delle lezioni da remoto permette di semplificare la gestione di un maggior numero di docenti e di studenti. Infatti, non essendoci il bisogno di creare classi di dimensioni ridotte, è possibile consentire a molte più persone l’iscrizione a questi programmi senza intaccare il livello di attenzione e la qualità della didattica.
  5. Possibilità di frequentare le lezioni ad un pubblico più ampio:
    La formazione a distanza permettere l’aggiornamento professionale anche a coloro che hanno maggiori difficoltà di usufruire di corsi nei normali luoghi di formazione:

    1. Occupati a tempo pieno;
    2. Individui con problemi di gestione familiare
    3. Persone che abitano in luoghi poco accessibili
  6. Possibilità di poter rivedere le lezioni:
    Le lezioni erogate a distanza possono essere registrate e salvate sul proprio Device (smartphone, computer, tablet) e, per questo, sono fruibili in ogni momento anche nei giorni successivi alla lezione.
  7. Il vantaggio della FAD asincrona:
    La FAD soprattutto in modalità asincrona, rende l’apprendimento parzialmente on demand, consentendo così anche la partecipazione di utenti che non hanno la possibilità di frequentare i corsi in aula.

È evidente che il lockdown degli ultimi mesi ha dato una spinta alla didattica a distanza. I cambiamenti sono stati veloci e importanti e le nuove tecnologie sono state le migliori alleate di questa trasformazione. Non bisogna dimenticarsi l’importanza della didattica in presenza, ma i metodi, le funzionalità, la flessibilità e la qualità raggiunte dal’e-learning hanno reso più efficace l’apprendimento e più efficiente le performance delle aziende.

Autore: Alessandra Lualdi

Alessandra Lualdi
Communication & Marketing Specialist. Da sempre appassionata di comunicazione, grafica e nuove tecnologie. Cerco sempre di intrecciare questi interessi per raggiungere soluzioni creative.

Articoli collegati

Il futuro dell’IA nel mondo del lavoro
JOB in JAMbellino – intervista al Dott. Michele Lenoci, consulente per  l’autoimprenditorialità
JOB IN JAMbellino: intervista a Daniela Macchi, consulente per l’orientamento nel mondo del lavoro
BACK TO WORK – Formazione e consulenza per il supporto dei pazienti di oncologia
Il 2021 e la Digital Transformation
Rilanciare il Paese grazie a rinnovabili e sostenibilità: intervista ad Enrico Falk
“JOB IN JAMbellino”: continuano le attività per supportare i giovani di Milano
Cos’è il podcast e perché è considerato il “canale del futuro”?
BACK TO WORK: un progetto di empowerment al femminile per supportare il rientro al lavoro di pazienti oncologiche
Job Farm incontra Boniviri: oltre la brand identity
X