I nuovi trend e le nuove professioni del Digital Food

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

I nuovi trend e le nuove professioni del Digital Food

Perchè il settore Food & Beverage

 

Il Food & Beverage rappresenta un settore economico importante per tutto il territorio nazionale e l’Italia è il Paese europeo con il maggior numero di prodotti agroalimentari a denominazione di origine e a indicazione geografica riconosciuti dall’Unione Europea.
Il cibo, fa notare Coldiretti, è diventato la prima ricchezza del Paese con una filiera dal campo alla tavola incluso l’horeca, che ha raggiunto la cifra di 538 miliardi, il 25% del PIL, con 3,8 milioni di occupati.

A tale crescita di cibo italiano nel mondo ha senz’altro contribuito la diffusione del web: piattaforme E-Commerce,  lifestyle, food blog, food delivery sono diventati strumenti indispensabili per la comunicazione e la vendita dei prodotti agroalimentari. Basti pensare che durante il lockdown, attraverso questi strumenti, il settore Food&Beverage ha notevolmente aumentato il fatturato rispetto agli stessi mesi degli anni precedenti.

 

I trend principali durante il Covid-19

 

Come ci racconta Cinzia Moretti, fondatrice della startup ITALENT – Italian Food Culture – e docente al Master di Job Farm Marketing e strumenti digitali per il food, in questi tempi di Covid-19, tre trend sono prepotentemente emersi.

  1. Il primo, il Covid ha fatto scoprire l’E-Commerce sia ai produttori che ai consumatori; milioni di persone precedentemente auto escluse dall’acquisto online hanno ormai consolidato questa nuova abitudine; l’ultimo rapporto Netcomm, in Italia parla di circa 3 milioni di nuovi acquirenti.
  2. Il secondo, l’accresciuta attenzione al cibo: cibo come definizione identitaria e del proprio stato di salute. Cibo come prevenzione dalla malattia. Cibo preparato in casa, cucinato per chi amiamo e consumato con chi amiamo. Attenzione alla provenienza e alla modalità di distribuzione. Il Covid anche qui ha fatto esplodere il fai da te.
  3. Il terzo, la crescita, in pochi mesi, in tutta Europa dell’e-Grocery (ecommerce del cibo). Si parla di +80% nel 2020, con una crescita di 2-3 volte superiore all’atteso pre-COVID.

 

Altro aspetto interessante dell’innovazione digitale nel settore Food é l’ambito del lavoro e delle nuove professioni ricercate sul mercato. In continua crescita troviamo la richiesta per posizioni come Food Digital Marketing Manager. Vengono ricercati professionisti con la passione per il mondo del cibo unita a competenze di Digital Marketing, di gestione E-Commerce, di scrittura e produzione di contenuti di qualità, di conoscenza dei meccanismi SEO e altro ancora.
Per essere professionisti nel settore del Food & Beverage, la passione è una  buona base di partenza, ma l’innovazione per questo mercato passa necessariamente attraverso l’acquisizione di competenze professionali specifiche, raffinate, digitali. Il master Marketing e strumenti digitali per il food di Job Farm nasce sull’onda di questo nuovo, potente trend del mercato e risponde alla domanda di professionisti dell’innovazione del settore agroalimentare.

 

Il piatto è ricco, buon appetito!

Articoli collegati

Intervista a Maddalena Porta Founder e AD di LYVE SRL
Giovani, lavoro e sostenibilità: quali sono le prospettive future?
Lavorare nell’ospitalità di lusso per rendere felici se stessi e gli altri
La ricerca del lavoro attraverso la passione: Gilberto Mora Presidente Nazionale  della Compagnia del Cioccolato
Camillo De Milato: Un comandante per il bene comune
Massimo Folador: Sostenibilità e Impresa a partire dal Bene Comune
Il Museo Bagatti Valsecchi e Fedora 3.0, una collaborazione di successo
Intervista a Giancarlo Restivo, presidente di Nuova Organizzazione d’Imprese e segretario generale della Nazionale Italiana Sicurezza sul Lavoro
Fedora 3.0, inizio del corso in “Art & Digital Strategist”
Apertura corso “Empowerment e Proattività e Comunicazione Efficace” del progetto Back to Work
X