“La teoria delle tre P” per la valutazione e la selezione delle risorse umane.

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

“La teoria delle tre P” per la valutazione e la selezione delle risorse umane.

Posizione. Prestazione. Potenziale.

La teoria delle tre P è una metodologia di management aziendale finalizzata, attraverso gli strumenti della analisi e valutazione, alla valorizzazione e al miglioramento della qualità della vita dell’azienda e delle persone. “Le tre P” vengono analizzate e valutate sulla base di una fotografia che mappa il ruolo, le mansioni, i risultati raggiunti ma anche la condivisione degli obiettivi fino alla valutazione dell’eventuale divario formativo o motivazionale da colmare.

Ha tuttavia ancora senso applicare una metodologia per la organizzazione e riorganizzazione aziendale che si basa su posizione, ruolo e mansioni in epoca post Covid?  In uno scenario lavorativo in cui ruoli, mansioni, tempi, orari sono cambiati e si sono mescolati in un insieme di attività che comprendono lavoro, casa, famiglia, che valore hanno le tre P? Siamo ancora in grado di misurare il potenziale in coerenza con le attività svolte e i risultati raggiunti?

Sicuramente tutti gli strumenti che aiutano a migliorare e valutare prestazioni e processi sono di grande supporto per la conoscenza ed il miglioramento delle imprese e delle persone.

Imprenditori e HR manager, sono coloro che dirigono quotidianamente il processo di costruzione delle organizzazioni aziendali e sempre di più, le imprese devono porsi come primo obiettivo il futuro e le persone. 

Diventa importante, dunque, estendere questi strumenti di miglioramento aziendale anche nella fase di incontro con le persone, ovvero nella selezione e nella ricerca delle risorse umane in cui, “l’ingaggio” rappresenta il fulcro del percorso professionale delle persone e delle imprese.

Autore: Marina Verderajme

Marina Verderajme
Presidente di Job Farm e Direttrice di Job Farm News, si occupa da oltre 15 anni di formazione, lavoro, risorse umane e innovazione. Dirige SportelloStage partner di Recruit srl, agenzia di intermediazione, e Ems società di consulenza HR.

Articoli collegati

Reskilling: la nuova strategia nel mondo del lavoro
I nuovi trend e le nuove professioni del Digital Food
La gamification: un nuovo modo di pensare la selezione del personale
Quanto è importante il clima organizzativo in un’azienda?
Lavoro a distanza: una nuova idea di impresa e società
Di cosa si occupa un Head Hunter?
La reazione delle imprese culturali al Covid-19: intervista a Laura Bugliosi – Responsabile Marketing Museo Bagatti Valsecchi
Quattro settori con opportunità di business e lavoro al tempo del Covid-19 grazie al digital.
Smart Working e colloqui online: come devono approcciarsi aziende e candidati?
Coronavirus e Smartworking: i primi dati del lavoro agile
X