Smart Working e colloqui online: come devono approcciarsi aziende e candidati?

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Smart Working e colloqui online: come devono approcciarsi aziende e candidati?

Il Covid-19 ha trascinato il nostro Paese al centro di un’emergenza sanitaria che sta avendo ripercussioni non solo sulle nostre abitudini, ma anche su tutto quello che concerne il mondo del lavoro. Le aziende hanno iniziato a confrontarsi con un mercato del lavoro in costante cambiamento e devono cercare di stare al passo con i nuovi strumenti tecnologici che la digitalizzazione offre. Il primo passo che le imprese hanno messo in atto è stato quello di applicare modelli di smart working per la salvaguardia della salute e della sicurezza dei propri dipendenti, dei candidati e dei clienti. Anche se la maggior parte di noi è abituata ad interagire con i computer e le chat, l’adozione della nuova modalità “smart” non è stata così semplice per tutti (o perlomeno non immediata).

Lavorando a stretto contatto sia con le aziende che con i candidati, abbiamo pensato di lasciare per entrambi alcune tips and tricks per condurre e sostenere in modo corretto i colloqui dalla propria abitazione, interloquendo per la prima volta con la propria telecamera e non con una persona fisica.

Di seguito i nostri consigli:

  1. SCEGLIETE ACCURATAMENTE IL VOSTRO NOMINATIVO

Assicuratevi che il nominativo inserito nella piattaforma corrisponda al vostro nome reale e non ad un codice o ad un nome che non permetta di identificarvi.

  1. IDENTIFICATE UNA LOCATION IDONEA

Allestite la vostra postazione in un ambiente ordinato, inquadrando uno sfondo possibilmente bianco. Inoltre, prestate attenzione al luogo che scegliete: identificate un’area della vostra abitazione in cui non siete disturbati da fattori esterni.

  1. PRESTATE ATTENZIONE ALLA LUCE

Privilegiate un’illuminazione naturale se di qualità e, in ogni caso, assicuratevi che sussistano condizioni di illuminazione ottimali per la durata del colloquio.

  1. NON TRASCURATE L’ABBIGLIAMENTO

Come per un colloquio normale, indossate indumenti consoni e coerenti con la posizione per la quale vi state candidando. Nonostante la tentazione di non indossare i pantaloni, non sapete se dovrete alzarvi, quindi evitate di trovarvi in spiacevoli situazioni.

  1. ASSICURATEVI CHE IL VOSTRO TONO DI VOCE SIA UDIBILE

Prima di iniziare il colloquio, effettuate una prova con un collega o un familiare per controllare che il tono di voce risulti udibile. Utilizzate una voce chiara e forte (è sempre meglio di una voce bassa che non ci permette di comprendere nulla!).

  1. CONTROLLATE IL DEVICE

È importante che non ci siano fonti di disturbo audio e video e che questo sia caricato al 100%: se sapete che il vostro pc ha una durata breve di batteria, tenete vicino a voi il caricatore, così da poterlo inserire nel pc in caso di necessità senza dovervi alzare (farete vedere di esservi preparati precedentemente!).

  1. GOOD MANNERS

Come in un normale colloquio di lavoro si sconsiglia di svolgere altre attività quali mangiare, fumare, utilizzare altri dispositivi. Si consiglia, invece, di mantenere il contatto visivo con la webcam (e non lo schermo) in modo da far sembrare al vostro interlocutore che lo stiate guardando dritto negli occhi.

Tips and tricks per il candidato:

  1. NON SOTTOVALUTARE IL TUO STATO MENTALE

Nessuno ti sta forzando a fare un colloquio di lavoro durante questo periodo difficile, se per motivi personali non sei nelle condizioni mentali di sostenere una job interview non avere paura a cancellarla o a ri-schedulare l’intervista.

  1. CHIEDI ALL’AZIENDA COME STA GESTENDO LA CRISI CORONAVIRUS

Questo ti darà una conoscenza più profonda dell’azienda e ti renderà chiare le tempistiche del processo di selezione.

Tips and tricks per l’azienda:

  1. RASSICURA I CANDIDATI A PROPOSITO DELLA CRISI

Assicurati di menzionare tutte le misure di sicurezza, precauzioni, benefit che sono stati implementati.

  1. CONTROLLA LO STATO MENTALE DEL CANDIDATO

Cerca di comprendere quanto la crisi abbia impattato il candidato. Questo ti darà un’idea della condizione del candidato a anche un’idea della sua attitudine, cultura, capacità di far fronte a situazioni di emergenza.

Ora che è tutto chiaro, preparate la vostra postazione seguendo i consigli, tenete una bottiglia d’acqua e un bloc notes a portata di mano e… in bocca al lupo!

Autore: Alessandra Lualdi

Alessandra Lualdi
Communication & Marketing Specialist. Da sempre appassionata di comunicazione, grafica e nuove tecnologie. Cerco sempre di intrecciare questi interessi per raggiungere soluzioni creative.

Articoli collegati

Perché ad oggi è importante seguire dei master di alta formazione?
Reskilling: la nuova strategia nel mondo del lavoro
I nuovi trend e le nuove professioni del Digital Food
La gamification: un nuovo modo di pensare la selezione del personale
Quanto è importante il clima organizzativo in un’azienda?
Lavoro a distanza: una nuova idea di impresa e società
Di cosa si occupa un Head Hunter?
“La teoria delle tre P” per la valutazione e la selezione delle risorse umane.
La reazione delle imprese culturali al Covid-19: intervista a Laura Bugliosi – Responsabile Marketing Museo Bagatti Valsecchi
Quattro settori con opportunità di business e lavoro al tempo del Covid-19 grazie al digital.
X