1001 stage, 1001 giovani, 937 imprese: presentazione dei risultati del progetto

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

1001 stage, 1001 giovani, 937 imprese: presentazione dei risultati del progetto

1001 stage attivati di cui 313 conclusi, 349 ancora in essere e 74 trasformati in un contratto. 937 aziende di cui oltre il 90% dichiara di essere interessato a proseguire i rapporti col candidato dopo il tirocinio. Sono questi alcuni dei numeri del progetto promosso da ACTL con il finanziamento del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

 

 

Milano, 13 febbraio 2020_Il Progetto 1001 stage: esperienze formative sul territorio nazionale finalizzate all’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati, promosso da ACTL e finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (Avviso n. 1/2017 – per il finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza nazionale ai sensi dell’articolo 72 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n. 117 – anno 2017), nasce da una parte con lo spirito di aiutare le aziende nel trovare figure professionali da inserire nella propria organizzazione, e dall’altra con quello di supportare chi cerca lavoro. Con lo strumento dello stage e della formazione on the job, l’iniziativa ha offerto la possibilità di utilizzare gratuitamente i servizi di ACTL, in collaborazione con Prospera e Recruit, ovvero l’iter di selezione e attivazione dei tirocini per le aziende, l’orientamento e l’avviamento per chi fosse in cerca di occupazione.

 

 

1001 e oltre

I numeri raccontano uno scenario sopra le aspettative. Per diffondere l’iniziativa, ACTL si è mossa attraverso canali non convenzionali. Per la promozione infatti ci si è avvalsi sia dei classici strumenti offline come gli eventi e il materiale pubblicitario fisico (volantini e locandine) sia di media digitali come i social network, gli articoli pubblicati sul web, le DEM e i banner. I social in particolare, hanno avuto un peso notevole in questa fase in quanto fortemente in linea con il target di riferimento. Instagram, Facebook e le relative stories sono serviti ad avvicinare il pubblico più giovane e dunque i potenziali candidati. La comunicazione ha raggiunto così oltre 22.300 aziende e 915mila utenti, portando a più di 25mila candidature totali. Nel corso dei mesi il numero di aziende ufficialmente iscritte a 1001 stage è cresciuto raggiungendo quota 937 per 8.975 candidati, risultato di una prima selezione di utenti con requisiti in condizioni di occupazioni e inoccupazione richieste da progetto. Di questi, da evidenziare che il 25,3% hanno tra i 15 e i 29 anni, non risultano iscritti né a scuola né all’università, non lavorano e nemmeno seguono corsi di formazione o aggiornamento professionale, mentre il 18,3% sono giovani sotto i 25 anni che hanno ultimato l’istruzione obbligatoria da non più di due anni.

 

 

I partecipanti: svolgere il tirocinio per acquisire competenze

La maggior parte dei candidati ritiene che il tirocinio sia un elemento utile all’interno del proprio CV. Secondo i dati raccolti, infatti, a prevalere è la volontà di acquisire competenze tecniche e trasversali (40,2%) seguita dal desiderio di individuare una possibilità di inserimento in azienda (34,3%) e dall’acquisire il più possibile mansioni coincidenti con quelle di proprio interesse (15,3%). In aggiunta, da sottolineare come il 78,6% dei tirocinanti ritenga che, per svolgere con successo uno stage, siano fondamentali impegno e motivazione oltre che curiosità e attenzione per i compiti da eseguire.

 

 

Le aree di inserimento: marketing e IT i primi classificati

Il progetto ha condotto all’attivazione di 1001 stage in svariati ambiti, in particolare i comparti commerciale – marketing – vendite (21,6%), informatica (15,1%), amministrazione – contabilità – segreteria (13,3%), turismo e ristorazione (9,1%). Da rilevare che sebbene le IT costituiscano un settore molto specifico che richiede competenze tecniche, è uno di quelli che ha generato i numeri più alti.

 

 

Lombardia, Lazio e Sicilia: le regioni dei 1001

A livello territoriale, a portare a casa il maggior numero di tirocini sono stati la Lombardia (55%), il Lazio (11%) e la Sicilia (9,8%). A sorprendere positivamente è proprio quest’ultimo dato che manifesta come anche il sud e le isole, grazie a realtà aziendali orientate al futuro, si stiano muovendo nell’aprire posti di lavoro per i giovani impegnandosi così a ridurre il tasso di disoccupazione/inoccupazione che da anni sembra affliggere il meridione.

A oggi – sul totale dei 1001 stage effettivi – 313 si sono già conclusi e 74 si sono trasformati in un contratto con esiti di spicco in Lombardia (41 contratti) e nel Lazio (16 contratti). Un dato annunciato, visto che il 55% delle aziende coinvolte ha dichiarato fin dall’inizio di non escludere la possibilità di un inserimento lavorativo post-stage e il 40,6% ha chiaramente espresso l’intenzione di proseguire il rapporto professionale con il candidato. Attualmente 349 tirocini sono ancora in corso e a fronte di questi dati, la possibilità che buona parte di essi venga convertita in contratto è elevata.

 

 

Counseling e orientamento per una maggiore consapevolezza del proprio personal branding

All’interno del progetto 1001 stage è stato offerto ai giovani in procinto di iniziare lo stage un servizio di counseling. Un’opportunità per aumentare il proprio livello di consapevolezza, utilizzare al meglio le risorse personali per gestirsi in modo efficace. In una prima fase, quella del colloquio, è stata intrapresa una conoscenza del percorso formativo del candidato e delle sue esperienze lavorative fino a quel momento, oltre che una comprensione delle attitudini personali e delle aspettative, ma anche delle paure e delle motivazioni. Da qui, dei consigli pratici per vivere al meglio le giornate in azienda. Oltre ai consulenti di ACTL, si è aggiunto il supporto di Prospera che con i suoi esperti ha coadiuvato le attività finalizzate a illustrare al meglio le dinamiche all’interno delle aziende. In questo panorama da cui emerge una particolare attenzione riservata all’orientamento per i giovani, ACTL ha deciso di introdurre un servizio di Job Coaching, una consulenza strategica rivolta a tutti i professionisti che intendono indirizzarsi verso nuove e stimolanti sfide professionali o capire le proprie potenzialità nel mercato del lavoro attuale. L’obiettivo principale è aiutare i professionisti a riconoscere in sé il proprio talento sviluppando capacità critica e di analisi, identificando nuovi obiettivi professionali e individuando il percorso migliore per raggiungerli.

 

 

Marina Verderajme, Presidente di ACTL, ha dichiarato: ““Con questo progetto raggiungiamo un altro importante obiettivo nell’inserimento lavorativo di 1001 giovani. I risultati raggiunti sono stati possibili grazie al lavoro di squadra sul territorio nazionale in tutte le sedi di Job Farm che ha garantito una capillarità ed un supporto territoriale ad aziende e candidati. Non ci fermiamo qui: nel 2020 prevediamo di avviare altri 1000 giovani con percorsi di formazione, stage e apprendistato in ambito digital, It e ristorativo-alberghiero nelle sedi di Roma, Firenze, Milano, Palermo, Varese e Vicenza”.

 

Domenico Fortunato, associato di Prospera, ha dichiarato: “1001 stage è stata un’ulteriore conferma per noi di Prospera di quanto sia importante offrire la nostra esperienza a chi si avvicina al mondo del lavoro, spesso per la prima volta nella sua vita. Siamo consci della delicatezza del momento, e proprio per questo offrire solidarietà tra due generazioni diventa ancora più sensato, appagante e oserei dire necessario.
La collaborazione con il team di ACTL ha funzionato in maniera ottimale e più persone di Prospera hanno messo a disposizione le proprie esperienze, le proprie competenze, il proprio tempo, con i risultati del progetto che parlano da soli. Ancora una volta l’occasione di un collegamento intimo tra due associazioni italiane ci ha permesso di dare il meglio di ciascuno di noi”.

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Content Manager e Social Media Manager.

Articoli collegati

Smart Working e colloqui online: come devono approcciarsi aziende e candidati?
Coronavirus e Smartworking: i primi dati del lavoro agile
Il Revenge spending in Cina: un nuovo futuro per l’economia?
I trend digitali del 2020: quali strategie adottare per un vantaggio competitivo?
IO Lavoro: un nuovo incentivo per le assunzioni di giovani
Job Farm una community per il tuo talento
YOURSAY Voce ai giovani
F.ED.O.R.A: iscrizioni aperte per diventare manutentore di beni artistici
L’importanza della formazione continua nel digital marketing
Il progetto 1001 stage prosegue fino a febbraio 2020
X