Le lauree informatiche offrono sbocchi lavorativi

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Le lauree informatiche offrono sbocchi lavorativi

Si aprono nuove importanti prospettive di carriera per gli “smanettoni del web”. Il Ministero dello Sviluppo, infatti, assumerà risorse per proteggersi da attacchi informatici. Lo scorso 19 settembre, il Consiglio dei Ministri ha infatti approvato un decreto governativo che ha posto l’accento sulla necessità, per l’Italia, di contrastare le “trappole” informatiche alzando le sue difese. Con tale decreto è stato creato il “Centro di valutazione e certificazione nazionale”, una struttura d’avanguardia che, in qualsiasi momento, potrà condurre test su hardware e software in grado di “diagnosticare” qualsiasi nuova tecnologia (soprattutto quelle provenienti da aziende non europee).

Per avere la piena conoscenza di applicazioni e reti che veicolano i nostri dati, il Ministero dello Sviluppo Economico ha avviato l’assunzione, tramite concorso pubblico, di ben 57 professionisti a tempo indeterminato. Il reclutamento delle risorse avverrà in tempi brevi e, per selezionare e pagare gli assunti, saranno messi a disposizione più di un milione di euro, nel 2019, e più di tre milioni, nel 2020. Ciò dimostra che i finanziamenti per ricerca e innovazione in materia di sicurezza tecnologica sono in continua crescita, perchè la sicurezza del nostro Paese si regge anche su ricerca, innovazione e tecnologia.

Oggi, al di là del Ministero, numerose aziende ricercano esperti IT e l’Ocse lo conferma: tra le lauree che offrono maggiori sbocchi lavorativi figurano le discipline informatiche e di telecomunicazioni (con un tasso di occupabilità pari all’87%). Anche il rapporto di “Previsione dei Fabbisogni Occupazionali in Italia a medio termine” (2018-2022), di Unioncamere e ANPAL, sottolinea che le professioni emergenti sono legate al progresso tecnologico, come il Cyber Security Expert, il Data Scientist, il Cloud Computing Expert, il Business Intelligence Analyst, il Big Data Analyst e il Social Media Marketing.

Le prospettive di lavoro e guadagno devono avere un certo peso nella scelta di scuola, università o master: mai sottovalutare l’effettiva spendibilità del titolo di studio che si intende conseguire.

Autore: Marina Verderajme

Marina Verderajme
Presidente di Job Farm e Direttrice di Job Farm News, si occupa da oltre 15 anni di formazione, lavoro, risorse umane e innovazione. Dirige SportelloStage partner di Recruit srl, agenzia di intermediazione, e Ems società di consulenza HR.

Articoli collegati

L’engagement aziendale è la nuova chiave per il successo aziendale?
Parliamo di conservazione dei beni culturali e di formazione a distanza con la restauratrice Valeria Cocchetti
La formazione continua è la chiave del successo professionale?
Essere artisti al tempo del Covid: intervista a Gabriella Magnotta
Blind Recruitment: come funziona l’assunzione ad occhi chiusi?
I vantaggi della didattica a distanza
Cosa sono gli HR Analytics?
Formarsi professionalmente e imparare come si lavora all’interno di un’impresa culturale: intervista a Vittoria Gelati
Perché ad oggi è importante seguire dei master di alta formazione?
Reskilling: la nuova strategia nel mondo del lavoro
X