Come scrivere un curriculum a prova di recruiter

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Come scrivere un curriculum a prova di recruiter

La stesura del CV è il primo step da affrontare per trovare lavoro, ma spesso i giovani neodiplomati o neolaureati in cerca di un primo impiego vivono questo momento come un vero e proprio ostacolo. La loro difficoltà sta nel compilare l’area dedicata alle esperienze perché non ne hanno mai avuta una professionale. Di cosa possono parlare allora?

 

Se la domanda preoccupa anche te, non disperare ma sappi che è assolutamente normale e che ci sono altri metodi per apparire ugualmente interessanti agli occhi dei recruiter.

Ti suggeriamo di cominciare riflettendo con attenzione su tutte le attività che hai svolto fino ad oggi. Hai viaggiato per studio o per piacere? Hai partecipato ad attività di volontariato? Hai praticato sport a livello agonistico? Hai imparato a suonare uno strumento? Hai avuto un’esperienza di tirocinio? Hai svolto occasionalmente qualche lavoretto per essere più indipendente e mantenerti gli studi?

Rispondi nella tua mente dopodiché seleziona ogni esperienza che pensi ti abbia fatto crescere. Soffermati sulle mansioni, su cosa ti ha insegnato, su come ti ha cambiato, sul contesto, sulla frequenza e sulla durata. Il CV deve raccontare parte della tua storia. Non mentire, non vantare esperienze in realtà mai vissute anche perché il rischio di essere smascherati è molto alto. La verità viene sempre a galla, quindi valorizza te stesso concentrandoti sui tuoi punti di forza e sulle attitudini, competenze e caratteristiche che ti rendono realmente unico.

 

 

Non farti prendere dal panico: ricorda che da qualche parte tutti hanno cominciato ed ora tocca a te!

Sii sincero, mostrati motivato e, se hai ancora qualche dubbio, consulta le nostre dieci semplici regole da seguire per scrivere un buon CV!

 

 

LE 10 REGOLE DI UN BUON CV

  1. Cv europeo, tradizionale, infocv, visual cv… scegli il formato che preferisci ma attenzione nessun errore!
  2. Usa sempre frasi brevi, non più di tre righe e ricordati di spaziare tra i paragrafi
  3. Controlla l’ort Rileggi più volte quanto hai scritto
  4. Vivacizza il testo con piccoli accorgimenti grafici (neretto, sottolineato, corsivo)
  5. Fai in modo che tutto stia su una pagina. In ogni caso non superare le due pagine
  6. Evita il sarcasmo e le battute di spirito e non strafare con i toni
  7. Non allegare cose inutili, come copie del diploma, rischi di essere troppo insicuro. Allega solo le ricerche che possono essere interessanti per l’azienda
  8. Evita di usare la terza persona parlando di te stesso
  9. L’arroganza è sempre fastidiosa (non usare frasi del tipo: “resto in attesa di una vostra, possibilmente rapida, convocazione”)
  10. Sii misurato: non utilizzare forme troppo “pompose” di presentazione come cartelline personalizzate che risultano voluminose nella forma e inutili nella sostanza

Autore: Marina Verderajme

Marina Verderajme
Presidente di Job Farm e Direttrice di Job Farm News, si occupa da oltre 15 anni di formazione, lavoro, risorse umane e innovazione. Dirige SportelloStage partner di Recruit srl, agenzia di intermediazione, e Ems società di consulenza HR.

Articoli collegati

Qual è il segreto del successo di un business?
Il contributo dell’export per la crescita delle imprese italiane
Open Night: Nuovi percorsi e storie di successo degli alumni
Al via il progetto Fedora di ACTL – Corsi gratuiti nel settore arte e cultura
Millenial e Fake: i social network prima fonte di (dis)informazione
Tirocini retribuiti alla Commissione europea
Reddito di cittadinanza: non decollano le politiche attive
Le lauree informatiche offrono sbocchi lavorativi
Trattative con i cinesi: i  punti deboli che cercheranno di sfruttare
Insoddisfatto sul lavoro? Riparti con il progetto 1001 Stage
X