I laureati italiani faticano a trovare lavoro: penultimo posto in Europa

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

I laureati italiani faticano a trovare lavoro: penultimo posto in Europa

I dati Eurostat restituiscono un’immagine negativa del tasso di occupazione dei laureati italiani tra i 20 e i 34 anni. Se la media europea è dell’85,5%, i giovani che hanno ottenuto un titolo di laurea e hanno trovato un lavoro, nel 2018 e in Italia, è del 62,8%. Si tratta di ragazzi che non sono impegnati né nel proseguimento degli studi né in alcun percorso di formazione.

L’unico Paese dell’Unione che mostra dei numeri peggiori è la Grecia, dove la percentuale di laureati con un impiego tra i 20 e i 34 anni è del 59,0%. Ma l’Italia si trova addirittura dietro Paesi come la Croazia (75,2%), la Spagna (77,9%) e Cipro (81,3%). Sul podio d’Europa ci sono Malta, dove lavora il 96,7% dei giovani laureati, i Paesi Bassi (94,8%) e la Germania (94,3%).

In generale, l’andamento europeo è in crescita. L’Unione ha fatto registrare un miglioramento del +0,6% rispetto al 2017 (i dati pubblicati si riferiscono al 2018). La situazione attuale è molto vicina ai livelli pre-crisi: rispetto al punto più alto del tasso di occupazione dei giovani laureati, l’86,9% riscontrato nel 2008, adesso l’Europa si trova solo dell’1,4% sotto quel record.

 

 

Tuttavia i neolaureati hanno registrato tassi di occupazione maggiori e sono stati generalmente meglio protetti dai rischi della disoccupazione giovanile rispetto ai loro coetanei che sono entrati nel mercato del lavoro con un livello di istruzione inferiore. Questo dato è testimone del fatto che un titolo di laurea è utile all’interno del mercato del lavoro e di come i laureati siano in grado di reagire meglio ai mutamenti del mercato stesso, disponendo di strumenti culturali e professionali più adeguati.

Autore: Simone Pivotto

Simone Pivotto
Responsabile Formazione e Comunicazione. Da sempre appassionato di nuovi media, opera come formatore in ambito HR e social media marketing. Coniuga il mondo del digital con quello delle risorse umane lavorando all’inserimento dei profili più giovani nel mondo delle professioni digitali.

Articoli collegati

Al via il progetto Fedora di ACTL – Corsi gratuiti nel settore arte e cultura
Millenial e Fake: i social network prima fonte di (dis)informazione
Tirocini retribuiti alla Commissione europea
Reddito di cittadinanza: non decollano le politiche attive
Le lauree informatiche offrono sbocchi lavorativi
Trattative con i cinesi: i  punti deboli che cercheranno di sfruttare
Come scrivere un curriculum a prova di recruiter
Insoddisfatto sul lavoro? Riparti con il progetto 1001 Stage
Intervista a Margherita Franzoni, Presidente Delegazione Lombardia di Aidda
Ultimo trimestre per approfittare del bonus Garanzia Giovani
X