Il video colloquio on-demand

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Il video colloquio on-demand

L’attuale contesto del mondo del lavoro è sempre più competitivo ed anche la ricerca del personale diventa complessa sia per canali che per competenze da individuare. Il ruolo pertanto del selezionatore è quello di illustrare i vantaggi della posizione lavorativa offerta, cercando di attrarre a sé i profili più talentuosi fornendo loro una piacevole “candidate experience”.

Le aziende, grazie allo sviluppo della rete e dei social media, sono in grado di servirsi di molteplici strumenti per la selezione del personale e combinare diverse tecnologie per “usare” anche il processo di selezione con strumento di Employer branding.

Tra le soluzioni a disposizione delle imprese sta acquisendo particolare rilevanza, finalmente anche in Italia, una modalità di recruiting on-demand. Si tratta del video colloquio in differita che consiste, sul fronte candidato, in un filmato nel quale l’individuo presenta se stesso e le sue competenze, rispondendo ad alcuni quesiti precedentemente stabiliti dal recruiter. Per la realizzazione del video non si richiedono particolari competenze tecniche, sono sufficienti una webcam o uno smartphone e il dono della sintesi.

Avvalendosi di soluzioni video, da un lato il candidato può sentirsi libero di rispondere alle domande quando preferisce, comodamente da casa, senza per forza dover trovare un compromesso temporale con il selezionatore; dall’altro anche il recruiter, dopo aver ricevuto le candidature digitali, ha la possibilità di analizzarle e visionarle in qualsiasi momento così da facilitare la gestione della propria agenda, ottimizzando i tempi.


L’utilizzo di Software HR all’avanguardia permette all’azienda di “scovare” nuovi talenti, conoscerli meglio già nella fase di preselezione, andando oltre la semplice telefonata, e trasmette un’immagine aziendale innovativa e dinamica, al passo con i tempi del digitale.

A quanto pare le frontiere dell’on-demand sono infinite e non si fermano a programmi o serie tv!

Autore: Marina Verderajme

Marina Verderajme
Presidente di Job Farm e Direttrice di Job Farm News, si occupa da oltre 15 anni di formazione, lavoro, risorse umane e innovazione. Dirige SportelloStage partner di Recruit srl, agenzia di intermediazione, e Ems società di consulenza HR.

Articoli collegati

Più contratti stabili, ma c’è meno lavoro
Presentati i bandi destinati all’innovazione delle Piccole e Medie Imprese venete
Festival del Lavoro 2019: ACTL – Job Farm presenta il progetto 1001 Stage
Contrordine: diventare genitori aiuta a fare carriera
Gli step per una buona job application online
Start-up: ecco che cosa il modello californiano può insegnare al nostro Paese
La formazione è virale con Google Computer Science First
Le soft skill fanno la differenza: l’elenco delle più richieste dalle aziende
Milano #nofilter: la parola ai Millennial. Presentata l’indagine di Job Farm e Osservatorio Metropolitano di Milano
INPS: pubblicati i dati dell’Osservatorio sul precariato relativi ai primi mesi del 2019
X