Le soft skill fanno la differenza: l’elenco delle più richieste dalle aziende

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Le soft skill fanno la differenza: l’elenco delle più richieste dalle aziende

Da sempre il mondo del lavoro fa i conti con scenari mutevoli. Se fino a poco tempo fa le imprese ricercavano nei candidati competenze per lo più di carattere tecnico e specialistico, oggi sembrano essere orientate verso profili qualificati portatori delle cosiddette “soft skill”.

Parliamo di quel bacino di attitudini personali, tratti caratteriali, abilità relazionali e competenze trasversali che non si apprendono seguendo normali percorsi di formazione, ma che condizionano le prestazioni lavorative e facilitano l’individuo nel raggiungimento di buoni risultati.

 

 

Detto questo, ecco l’elenco delle soft skills generalmente più ricercate dai Recruiter in azienda:

  • CREATIVITÀ: capacità di uscire dagli schemi e innovare in funzione dello sviluppo di nuove soluzioni competitive in grado di far crescere l’impresa;
  • DECISION MAKING: capacità di prendere decisioni senza procrastinare, anticipando possibili sviluppi e conseguenze di ogni scelta;
  • FLESSIBILITÀ COGNITIVA: capacità di cambiare, aprirsi alle novità, adeguarsi e spostare la mente in poco tempo da un’informazione all’altra;
  • INTELLIGENZA EMOTIVA: capacità di leggere la situazione o il contesto per poi comportarsi di conseguenza, controllando umore e stati d’animo;
  • NEGOZIAZIONE: capacità di mediare in un rapporto a due o a più persone, ascoltare le ragioni di terzi e trovare compromessi senza mai perdere di vista l’obiettivo;
  • PENSIERO CRITICO: capacità di riconoscere e valutare se stessi e i propri limiti;
  • PROBLEM SOLVING: capacità di comprendere un problema e orientarsi verso la soluzione più sensata e opportuna;
  • SERVICE ORIENTATION: capacità di comprendere la direzione verso cui si muove l’azienda e riparametrare i propri valori verso quella stessa direzione, dimostrandosi sempre utili, attenti e collaborativi;
  • TEAM MANAGEMENT: capacità di motivare, valorizzare, condurre e trascinare il proprio gruppo verso le priorità.

 

 

Partendo da una maggiore consapevolezza di sé, oggi per il candidato la vera sfida si gioca sul piano della combinazione: il segreto è individuare il connubio perfetto tra hard e soft skill per poi far decollare la propria carriera!

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Community & Communication Specialist

Articoli collegati

Apertura corso “Empowerment e Proattività e Comunicazione Efficace” del progetto Back to Work
Guida sul digital marketing: come allargare il proprio business usando i social media
PNRR: Il futuro dell’occupazione è in ambito green e digital
Enzo Taranto e Lifebility Award, XII edizione
4 tool per la tua content strategy su WeChat
Come affrontare il nuovo scenario del mercato del lusso, nel passaggio dallo studio al lavoro
Quali sono gli incentivi all’occupazione previsti per il 2022?
Ricerca e selezione del personale nell’era del cambiamento
Corso SEO intensivo: quali competenze svilupperai?
BREVE MA EFFICACE GUIDA PER TROVARE LAVORO
X