Milano #nofilter: la parola ai Millennial. Presentata l’indagine di Job Farm e Osservatorio Metropolitano di Milano

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Milano #nofilter: la parola ai Millennial. Presentata l’indagine di Job Farm e Osservatorio Metropolitano di Milano

Molto stimolante, organizzata, attiva e vivibile. Poco accessibile e user-friendly. Questi gli aggettivi adatti a Milano secondo i Millennial. Attratti dalle periferie, sempre alla ricerca di “free wi-fi” (che non sempre trovano) ed “ECO-centrici”.

A dirlo è l’indagine, realizzata da Job Farm e dall’Osservatorio Metropolitano di Milano, sul rapporto esistente tra i Millennial e Milano. Obiettivo: cercare di capire come la città può evolversi per soddisfare bisogni, necessità e “felicità” di coloro i quali la vivono e la trasformano quotidianamente.

Sei gli aspetti di Milano indagati: divertimento, periferie, tecnologia, lavoro, mobilità e ambiente.

Le periferie per i Millennial fanno tendenza e piacciono. Assolutamente disposti a spostarsi dal centro per partecipare a eventi di loro interesse (oltre il 73% lo ha dichiarato), i Millennial le vorrebbero ancora più attive nella diffusione di iniziative culturali, musicali e artistiche, ad oggi ancora poche.

Arrivare in periferia, però, “non è un gioco da ragazzi”: notevole l’insoddisfazione per quanto riguarda il modo in cui i mezzi collegano le periferie al centro e viceversa, andrebbe potenziato il servizio notturno e quello nel weekend. I mezzi pubblici di Milano sono puntuali (61%), bocciati per qualità/prezzo (55%), poco sicuri (60%) e sporchi (55%).

Questa grande attenzione ai mezzi pubblici è la diretta conseguenza del loro spirito sempre più ECO-centrico. Il tema “dell’ambiente”, infatti, risulta di notevole importanza per i nati tra gli anni ’80 ed il 2000. Come dimostrano i dati, infatti, ritengono importanti le aree verdi (80%), le aree pedonali chiuse al traffico (73%), e maggiori politiche restrittive, come il blocco delle auto inquinanti (74%).

Sicuramente i Millennial si vogliono divertire, e a Milano riescono a farlo! “Divertimento” inteso come svago, anche culturale. Per loro sono importanti tutti i diversi tipi di svago presi in considerazione e la presenza di concerti, mostre d’arte, cinema, teatri, locali e discoteche (secondo l’ordine di importanza dato da loro) soddisfa le loro aspettative.

Ovviamente la tecnologia per i nativi digitali si conferma un aspetto fondamentale, che vorrebbero una Milano sempre più futuristica. La loro wishlist è fatta di Wi-fi sui mezzi pubblici (lo chiede oltre il 67%), postazioni di ricarica smartphone nelle stazioni, servizi pubblici gestiti via web.

Un altro dato molto significativo è quello riguardante la richiesta di maggiore opportunità per cambiare lavoro. Pur riconoscendo Milano molto attiva in questo senso, i dati mostrano che per i Millennial risulta difficile cambiare lavoro in questa città.

Le precedenti indagini realizzate da Job Farm e dall’Osservatorio Metropolitano – dichiara sul tema Marina Verderajme, Presidente di Job Farm – sono state incentrate sui Giovani e Lavoro.  Questa volta l’indagine si allarga per capire il rapporto che i Millennial hanno con la propria realizzazione di vita che non si concentra solo sul lavoro, come è stato ad esempio per i baby boomers, ma passa anche attraverso il rapporto con gli altri, le tecnologie l’ambiente e la società. La scala dei valori dei millennials cambia: il lavoro non è più l’obiettivo per raggiungere la felicità, ma fa parte di una serie di elementi che solo integrati tra loro consentono di perseguire i propri obiettivi di vita”.

“Un dato da sottolineare – commenta Bruno Dapei, Direttore Generale dell’Osservatorio Metropolitano di Milano – è l’apprezzamento per le periferie e la volontà dei giovani di viverle spostandosi dal capoluogo, dato che conferma la vocazione metropolitana di Milano più di molte parole. Altro elemento su cui riflettere in questa direzione, è la carenza sul fronte del wi-fi free che richiama al tema, da affrontare, del digital divide”. 

 Milano, dunque è assolutamente una sparkling city per i Millennial, ma sanno bene dove vogliono migliorarla.

 

 

METODO ED ANALISI

Il questionario, costruito sulla base del modello SERVQUAL per l’analisi della customer satisfaction, è stato somministrato ad un campione di 296 soggetti nati tra gli anni ’80 ed il 2000 che vivono a Milano o la frequentano per motivi di studio o di lavoro. Nel questionario online, composto da 81 item, è stato chiesto ai soggetti di indicare il loro grado di accordo/disaccordo rispetto a ciò che ritengono importante in una città (aspettativa) e quanto effettivamente ciò sia presente per loro a Milano (percezione). Così facendo non è stato indagata esclusivamente la presenza/assenza di un determinato elemento ma anche l’importanza attribuita ad esso. Tramite l’uso del software statistico SPSS è stata effettuato una gap analysis per valutare la differenza tra le medie dei soggetti per le due dimensioni aspettativa-percezione così da sintetizzare un punteggio positivo o negativo di soddisfazione media.

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Community & Communication Specialist

Articoli collegati

Apertura corso “Empowerment e Proattività e Comunicazione Efficace” del progetto Back to Work
Guida sul digital marketing: come allargare il proprio business usando i social media
PNRR: Il futuro dell’occupazione è in ambito green e digital
Enzo Taranto e Lifebility Award, XII edizione
4 tool per la tua content strategy su WeChat
Come affrontare il nuovo scenario del mercato del lusso, nel passaggio dallo studio al lavoro
Quali sono gli incentivi all’occupazione previsti per il 2022?
Ricerca e selezione del personale nell’era del cambiamento
Corso SEO intensivo: quali competenze svilupperai?
BREVE MA EFFICACE GUIDA PER TROVARE LAVORO
X