Milano #nofilter: la parola ai Millennial. Presentata l’indagine di Job Farm e Osservatorio Metropolitano di Milano

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Milano #nofilter: la parola ai Millennial. Presentata l’indagine di Job Farm e Osservatorio Metropolitano di Milano

Molto stimolante, organizzata, attiva e vivibile. Poco accessibile e user-friendly. Questi gli aggettivi adatti a Milano secondo i Millennial. Attratti dalle periferie, sempre alla ricerca di “free wi-fi” (che non sempre trovano) ed “ECO-centrici”.

A dirlo è l’indagine, realizzata da Job Farm e dall’Osservatorio Metropolitano di Milano, sul rapporto esistente tra i Millennial e Milano. Obiettivo: cercare di capire come la città può evolversi per soddisfare bisogni, necessità e “felicità” di coloro i quali la vivono e la trasformano quotidianamente.

Sei gli aspetti di Milano indagati: divertimento, periferie, tecnologia, lavoro, mobilità e ambiente.

Le periferie per i Millennial fanno tendenza e piacciono. Assolutamente disposti a spostarsi dal centro per partecipare a eventi di loro interesse (oltre il 73% lo ha dichiarato), i Millennial le vorrebbero ancora più attive nella diffusione di iniziative culturali, musicali e artistiche, ad oggi ancora poche.

Arrivare in periferia, però, “non è un gioco da ragazzi”: notevole l’insoddisfazione per quanto riguarda il modo in cui i mezzi collegano le periferie al centro e viceversa, andrebbe potenziato il servizio notturno e quello nel weekend. I mezzi pubblici di Milano sono puntuali (61%), bocciati per qualità/prezzo (55%), poco sicuri (60%) e sporchi (55%).

Questa grande attenzione ai mezzi pubblici è la diretta conseguenza del loro spirito sempre più ECO-centrico. Il tema “dell’ambiente”, infatti, risulta di notevole importanza per i nati tra gli anni ’80 ed il 2000. Come dimostrano i dati, infatti, ritengono importanti le aree verdi (80%), le aree pedonali chiuse al traffico (73%), e maggiori politiche restrittive, come il blocco delle auto inquinanti (74%).

Sicuramente i Millennial si vogliono divertire, e a Milano riescono a farlo! “Divertimento” inteso come svago, anche culturale. Per loro sono importanti tutti i diversi tipi di svago presi in considerazione e la presenza di concerti, mostre d’arte, cinema, teatri, locali e discoteche (secondo l’ordine di importanza dato da loro) soddisfa le loro aspettative.

Ovviamente la tecnologia per i nativi digitali si conferma un aspetto fondamentale, che vorrebbero una Milano sempre più futuristica. La loro wishlist è fatta di Wi-fi sui mezzi pubblici (lo chiede oltre il 67%), postazioni di ricarica smartphone nelle stazioni, servizi pubblici gestiti via web.

Un altro dato molto significativo è quello riguardante la richiesta di maggiore opportunità per cambiare lavoro. Pur riconoscendo Milano molto attiva in questo senso, i dati mostrano che per i Millennial risulta difficile cambiare lavoro in questa città.

Le precedenti indagini realizzate da Job Farm e dall’Osservatorio Metropolitano – dichiara sul tema Marina Verderajme, Presidente di Job Farm – sono state incentrate sui Giovani e Lavoro.  Questa volta l’indagine si allarga per capire il rapporto che i Millennial hanno con la propria realizzazione di vita che non si concentra solo sul lavoro, come è stato ad esempio per i baby boomers, ma passa anche attraverso il rapporto con gli altri, le tecnologie l’ambiente e la società. La scala dei valori dei millennials cambia: il lavoro non è più l’obiettivo per raggiungere la felicità, ma fa parte di una serie di elementi che solo integrati tra loro consentono di perseguire i propri obiettivi di vita”.

“Un dato da sottolineare – commenta Bruno Dapei, Direttore Generale dell’Osservatorio Metropolitano di Milano – è l’apprezzamento per le periferie e la volontà dei giovani di viverle spostandosi dal capoluogo, dato che conferma la vocazione metropolitana di Milano più di molte parole. Altro elemento su cui riflettere in questa direzione, è la carenza sul fronte del wi-fi free che richiama al tema, da affrontare, del digital divide”. 

 Milano, dunque è assolutamente una sparkling city per i Millennial, ma sanno bene dove vogliono migliorarla.

 

 

METODO ED ANALISI

Il questionario, costruito sulla base del modello SERVQUAL per l’analisi della customer satisfaction, è stato somministrato ad un campione di 296 soggetti nati tra gli anni ’80 ed il 2000 che vivono a Milano o la frequentano per motivi di studio o di lavoro. Nel questionario online, composto da 81 item, è stato chiesto ai soggetti di indicare il loro grado di accordo/disaccordo rispetto a ciò che ritengono importante in una città (aspettativa) e quanto effettivamente ciò sia presente per loro a Milano (percezione). Così facendo non è stato indagata esclusivamente la presenza/assenza di un determinato elemento ma anche l’importanza attribuita ad esso. Tramite l’uso del software statistico SPSS è stata effettuato una gap analysis per valutare la differenza tra le medie dei soggetti per le due dimensioni aspettativa-percezione così da sintetizzare un punteggio positivo o negativo di soddisfazione media.

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Assistente Comunicazione.

Articoli collegati

Insoddisfatto sul lavoro? Riparti con il progetto 1001 Stage
Intervista a Margherita Franzoni, Presidente Delegazione Lombardia di Aidda
Ultimo trimestre per approfittare del bonus Garanzia Giovani
Le nuove frontiere della formazione gratuita
Il reclutatore virtuale: in Svizzera i primi test
Il primo anno di 1001 Stage – Il progetto di ACTL
La formazione continua? La vera “tutela” dei lavoratori
Hai il diploma e cerchi lavoro? Scopri le figure professionali più richieste
I laureati italiani faticano a trovare lavoro: penultimo posto in Europa
Dati Istat sul lavoro: in Italia occupazione in crescita ma non per tutti
X