INPS: pubblicati i dati dell’Osservatorio sul precariato relativi ai primi mesi del 2019

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

INPS: pubblicati i dati dell’Osservatorio sul precariato relativi ai primi mesi del 2019

L’INPS ha pubblicato i dati dell’Osservatorio sul precariato, relativi ai primi mesi dell’anno 2019.

Nel periodo di gennaio-febbraio 2019, nel settore privato, le assunzioni sono state 1.063.620, in lieve diminuzione rispetto al 2018 in cui erano state 1.219.743. In crescita risultano i contratti a tempo indeterminato, i contratti di apprendistato e i contratti di lavoro intermittente; in diminuzione invece i contratti di somministrazione, i contratti a tempo determinato e i contratti di lavoro stagionale.

Nei primi due mesi del 2019 si registra, rispetto allo stesso periodo del 2018, un notevole incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato che passano da 90.000 a 164.000 unità(+82,2%), confermando la tendenza già rilevata nel corso degli ultimi mesi, mentre risultano stabili le conferme dei rapporti di apprendistato alla conclusione del periodo formativo (-1,1%).

Le cessazioni nel complesso sono state 792.000, in diminuzione rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente: a diminuire sono le cessazioni di contratti in somministrazione, di rapporti a termine e di rapporti a tempo indeterminato; in crescita sono invece le cessazioni di rapporti con contratto intermittente e di contratti in apprendistato.

Nei mesi di gennaio – febbraio 2019 sono stati incentivati 23.105 rapporti di lavoro con i benefici previsti dall’esonero triennale strutturale per le attivazioni di contratti a tempo indeterminato di giovani fino a 35 anni: 11.382 riferiti ad assunzioni e 11.723 relativi a trasformazioni a tempo indeterminato (rispetto allo stesso periodo del 2018 si registra una crescita del 12,7%).

Il saldo annualizzato (vale a dire la differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi 12 mesi) a febbraio 2019 risulta positivo e pari a +372.000, inferiore a quello del corrispondente mese 2018 (+560.000) e sostanzialmente stabile rispetto al mese precedente.

La consistenza dei lavoratori impiegati con Contratto di Prestazione Occasionale (CPO) a febbraio 2019 si attesta alle 17.000 unità, con un importo mensile lordo medio di 237 euro.

Per quanto riguarda, invece, i lavoratori pagati con i titoli del Libretto Famiglia (LF), a febbraio 2019 sono stati circa 9.800, con un importo mensile lordo medio di 258 euro.

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Assistente Comunicazione.

Articoli collegati

Hai il diploma e cerchi lavoro? Scopri le figure professionali più richieste
I laureati italiani faticano a trovare lavoro: penultimo posto in Europa
Dati Istat sul lavoro: in Italia occupazione in crescita ma non per tutti
Stage in Italia: istruzioni per l’uso
Dote Unica Lavoro: modello di riferimento per le politiche europee e nazionali
Più contratti stabili, ma c’è meno lavoro
Presentati i bandi destinati all’innovazione delle Piccole e Medie Imprese venete
Festival del Lavoro 2019: ACTL – Job Farm presenta il progetto 1001 Stage
Contrordine: diventare genitori aiuta a fare carriera
Il video colloquio on-demand
X