Arriva il curriculum precompilato

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Arriva il curriculum precompilato

Debutta a giugno, in una versione pilota, il curriculum precompilato. L’idea è quella di fornire ai futuri diplomati, insieme al titolo di studio, un documento che certifichi il livello delle loro conoscenze.

Il curriculum dello studente sarà così strutturato: una parte “formale” e una parte “informale”.

 

 

La versione che avremo a disposizione entro la fine della metà dell’anno si limita alla parte “formale”. Ogni alunno avrà a disposizione la sua carriera scolastica: risultati di tutti i 5 anni, durata degli studi (percorso sperimentale in 4 anni) e svolgimento dell’alternanza scuola – lavoro.

Per la parte “informale” del curriculum, che comprenderà le esperienze di volontariato, le certificazioni linguistiche, le pratiche sportive, gli interessi culturali e le competenze acquisite durante l’alternanza, bisognerà attendere la maturità del 2020.

 

 

Tutti questi curricula saranno disponibili sul portale Scuola in chiaro del Miur e consultabili da parte delle aziende, aumentando così l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Assistente Comunicazione.

Articoli collegati

Reddito di cittadinanza: non decollano le politiche attive
Le lauree informatiche offrono sbocchi lavorativi
Trattative con i cinesi: i  punti deboli che cercheranno di sfruttare
Come scrivere un curriculum a prova di recruiter
Insoddisfatto sul lavoro? Riparti con il progetto 1001 Stage
Intervista a Margherita Franzoni, Presidente Delegazione Lombardia di Aidda
Ultimo trimestre per approfittare del bonus Garanzia Giovani
Le nuove frontiere della formazione gratuita
Il reclutatore virtuale: in Svizzera i primi test
Il primo anno di 1001 Stage – Il progetto di ACTL
X