Arriva il curriculum precompilato

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Arriva il curriculum precompilato

Debutta a giugno, in una versione pilota, il curriculum precompilato. L’idea è quella di fornire ai futuri diplomati, insieme al titolo di studio, un documento che certifichi il livello delle loro conoscenze.

Il curriculum dello studente sarà così strutturato: una parte “formale” e una parte “informale”.

 

 

La versione che avremo a disposizione entro la fine della metà dell’anno si limita alla parte “formale”. Ogni alunno avrà a disposizione la sua carriera scolastica: risultati di tutti i 5 anni, durata degli studi (percorso sperimentale in 4 anni) e svolgimento dell’alternanza scuola – lavoro.

Per la parte “informale” del curriculum, che comprenderà le esperienze di volontariato, le certificazioni linguistiche, le pratiche sportive, gli interessi culturali e le competenze acquisite durante l’alternanza, bisognerà attendere la maturità del 2020.

 

 

Tutti questi curricula saranno disponibili sul portale Scuola in chiaro del Miur e consultabili da parte delle aziende, aumentando così l’incontro tra domanda e offerta di lavoro.

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Content Manager e Social Media Manager.

Articoli collegati

L’engagement aziendale è la nuova chiave per il successo aziendale?
Parliamo di conservazione dei beni culturali e di formazione a distanza con la restauratrice Valeria Cocchetti
La formazione continua è la chiave del successo professionale?
Essere artisti al tempo del Covid: intervista a Gabriella Magnotta
Blind Recruitment: come funziona l’assunzione ad occhi chiusi?
I vantaggi della didattica a distanza
Cosa sono gli HR Analytics?
Formarsi professionalmente e imparare come si lavora all’interno di un’impresa culturale: intervista a Vittoria Gelati
Perché ad oggi è importante seguire dei master di alta formazione?
Reskilling: la nuova strategia nel mondo del lavoro
X