Il lavoro dei sogni esiste: 10 dollari l’ora per dormire

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

Il lavoro dei sogni esiste: 10 dollari l’ora per dormire

Mattress Firm, azienda che da anni si occupa di materassi, ha inventato un nuovo profilo professionale: lo “snoozer”.

 

Quando sul loro sito è apparso l’annuncio di lavoro, centinaia sono state le candidature. D’altronde chi non ha mai desiderato un lavoro simile? Ma solo un fortunato ce l’ha fatta. Ha conquistato i selezionatori inserendo alla voce skill: “eccellente dormiglione” – una competenza imprescindibile per questo profilo. La giornata tipo di uno “snoozer” non viene scandita dall’email, riunioni, telefono e fotocopie ma dai letti, o meglio materassi. Dorme quando gli viene chiesto di dormire, provando gli ultimi materassi e valutando la comodità del letto.

Un vero proprio sogno quello di poter guadagnare dormendo. Il fortunato dipendente guadagna 200 dollari a settimana, andando in azienda per circa quattro ore al giorno. Oltre al collaudo del prodotto viene chiesto di fare una strategia di branding e promozione dell’azienda Mattress Firm. Nasce così lo “sleep-fluencer”, un influencer specializzato nel condividere sui social, in particolare instagram, foto di letti, materassi e selfie appena sveglio.

Stai attenta Chiara, un esercito di nuovi influencer è pronto a darti battaglia, in pigiama.

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Assistente Comunicazione.

Articoli collegati

YOURSAY Voce ai giovani
F.ED.O.R.A: iscrizioni aperte per diventare manutentore di beni artistici
L’importanza della formazione continua nel digital marketing
Il progetto 1001 stage prosegue fino a febbraio 2020
Qual è il segreto del successo di un business?
Il contributo dell’export per la crescita delle imprese italiane
Open Night: Nuovi percorsi e storie di successo degli alumni
Al via il progetto Fedora di ACTL – Corsi gratuiti nel settore arte e cultura
Il 29 ottobre 1001 Stage fa tappa a Firenze
Millenial e Fake: i social network prima fonte di (dis)informazione
X