I consigli per un curriculum vitae da Master Chef

 

Testata giornalistica registrata reg. al Trib. di Milano (n° 29 del 30/01/2014)

Direttore Responsabile Marina Verderajme

I consigli per un curriculum vitae da Master Chef

Nel mondo del lavoro è ormai prassi costruire i CV ad hoc per la propria posizione e il curriculum di uno chef non fa eccezione. Vediamo quali sono le informazioni assolutamente necessarie per scrivere un curriculum di successo.

IL RUOLO – Il ruolo è il primo dato da inserire nella descrizione del tuo precedente impiego, utilizzando il più possibile il linguaggio tecnico del mondo della cucina. Uno chef de partie è un ruolo ben preciso e nettamente separato da qualsiasi altro, così come lo è il pastry chef.

I SUCCESSI – I successi raggiunti in carriera sono importantissimi nel definire l’esperienza di uno chef. Più il tuo curriculum sarà dettagliato più potrai mettere in risalto le tue capacità e abilità.

LA FORMAZIONE – Non considerarla un’informazione di serie b. Per uno chef è importantissimo continuare a formarsi e aggiornarsi sui nuovi trend della cucina. Includi qualsiasi esperienza formativa, anche di breve durata.

PREMI – I concorsi vinti e i riconoscimenti sono il biglietto da visita perfetto. Non è una autocelebrazione, è un modo eccellente per comunicare le tue capacità, reali competenze e far vedere al tuo futuro capo che davanti ad una sfida non ti tiri indietro.

In qualsiasi lavoro, anche in quello dello chef, le soft skill sono fondamentali e vanno inserite nel CV. Tra le più importanti ci sono: le abilità comunicative, con i propri collaboratori e superiori. E’ importante inserire anche le lingue straniere, con il relativo livello raggiunto.

Infine, per dare valore e completezza alle informazioni inserite, è importante avere le referenze dei precedenti datori di lavoro, capi squadra o executive chef.

Autore: Sara Lucini

Sara Lucini
Content Manager e Social Media Manager.

Articoli collegati

Clubhouse: Come funziona e come si accede al nuovo social network?
Parliamo di Risorse Umane con Raffaella Olivieri – HR Generalist del Gruppo DigiTouch
Le imprese culturali e i social network
Formazione a distanza – Il punto di vista dei formatori. Intervista a Lorella Riva
Come Fare un Annuncio di Testo Google Ads per Posizionarsi in Prima Pagina a cura di Valerio di Pietro
Arte e digitale: intervista ad Adamo Panessidi 
Come creare una campagna Google ADS su Rete di Ricerca a cura di Valerio di Pietro
Come si lavora in un Museo – intervista a Marzia Cioni
Imprese culturali e Covid-19: intervista a Giovanni Valagussa
I vantaggi inaspettati della formazione a distanza
X